Proroga concessioni demaniali: il comunicato stampa dell’On. Pizzolante

Pubblichiamo, per conoscenza, il testo del comunicato stampa diffuso dall’onorevole Pizzolante nel quale veniamo rassicurati rispetto alla correzione dell’ errore tecnico occorso sul Decreto Milleproghe:
On. Sergio Pizzolante

Ufficio stampa

 

COMUNICATO STAMPA

 

Oggetto: proroga concessioni demaniali

 

“Per errore tecnico la proroga per le concessioni demaniali concordata con l’Europa fino a tutto il 2015, nel decreto Milleproroghe pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 30 dicembre, è stata fissata al 2012”.

Lo dichiara Sergio Pizzolante, deputato PDL, che ha seguito insieme ai ministri Fitto e Brambilla e agli altri ministri competenti tutto il percorso per la risposta del governo italiano alla procedura d’infrazione europea.

“Come si ricorderà – sostiene Pizzolante – il Consiglio dei ministri del 17 dicembre, ha inserito nel Decreto Milleproroghe l’accordo con l’Europa per la proroga fino al 2015 che mette fine alla procedura d’infrazione, così come è stato riportato da tutti i giornali italiani il giorno successivo”. Pizzolante aggiunge che “l’errore sarà corretto, riportando la data della proroga fino al 2015 in fase di conversione in legge del Decreto, entro la fine di febbraio”.

Pizzolante aggiunge inoltre, dopo una consultazione con i ministri Fitto e Brambilla, “che le associazioni di categoria nazionali dei balneari saranno convocate presso il ministero per gli Affari regionali per avviare la discussione di merito per la definizione dei nuovi criteri per l’affidamento delle concessioni dal 2016 in poi. Naturalmente i nuovi criteri dovranno essere concordati tra governo, associazioni di categoria e regioni per arrivare nel più breve tempo possibile ad una legge quadro nazionale all’interno della quale le Regioni potranno legiferare tenendo in conto che, in virtù della legge sul federalismo fiscale, i beni demaniali presto saranno trasferiti dallo Stato alle Regioni”.

 

Related posts:

Add a Facebook Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *