Convertito in legge con alcune modificazioni il “decreto mille proroghe 2010

E’ stata pubblicata sabato scorso sul Supplemento Ordinario n. 39 alla GU n. 48 del 27-2-10 la L n. 25 recante la conversione in legge, con modificazioni, del DL n. 194/2009 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative).

Rispetto alla precedente nota, in base al testo coordinato del provvedimento ed alla luce delle integrazioni approvate in sede di conversione e vigenti a partire dal 28 febbraio 2010, confermiamo le seguenti disposizioni:

• proroga del c.d. “bonus fiscale” in favore degli esercenti impianti di distribuzione dei carburanti ex art. 21 comma 1 L n. 448/1998 e ss. modificazioni (deduzione forfetaria) anche per i periodi d’imposta 2009 e 2010 (art. 1 comma 8 DL n. 194/09);
• proroga della sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari, nonché dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, in favore dei soggetti interessati dagli eventi sismici dello scorso anno in Abruzzo (art. 1 comma 10 DL n. 194/09);
• estensione al 2010 del regime di cui all’art. 9 comma 3-bis DL n. 185/2008 e ss. modificazioni, in base al quale le Regioni e gli enti locali possono certificare entro 20 giorni dall’istanza del creditore di somme dovute (per somministrazioni, forniture ed appalti) la liquidità ed esigibilità del credito stesso (art. 1 comma 16 DL n. 194/09).

Per quanto riguarda invece la durata delle concessioni di beni demaniali marittimi con finalità turistico – ricreative, in vista dell’attesa revisione del relativo quadro normativo, si evidenzia quanto segue:
– la proroga inizialmente prevista dal decreto legge al 31 dicembre 2012 è stata opportunamente “rettificata”, in sede di conversione, al 31 dicembre 2015;
– è confermata l’eliminazione del c.d. “diritto d’insistenza” di cui all’art. 37 Codice Navigazione, con la precisazione che il secondo periodo del comma 2 di tale norma è soppresso;
– si chiarisce inoltre che sono fatte salve le disposizioni di cui all’art. 3 comma 4-bis DL n. 400/1993 e ss. modificazioni (Disposizioni per la determinazione dei canoni relativi a concessioni demaniali marittime) ai sensi del quale “le concessioni possono avere durata superiore a sei anni e comunque non superiore a venti anni in ragione dell’entità e della rilevanza economica delle opere da realizzare e sulla base dei piani di utilizzazione delle aree del demanio marittimo predisposti dalle regioni”.

Si ricorda altresì che sono state ribadite, in sede di conversione del decreto legge in esame, le seguenti disposizioni:

Art. 5. Proroga di termini in materia di trasporti – Auto-noleggio con conducente

3. All’articolo 7-bis, comma 1, del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive modificazioni, le parole: «fino al 31 dicembre 2009» sono sostituite dalle seguenti: «fino al 31 marzo 2010».

Ciò significa che, nelle more della revisione della legge quadro n. 21/92 in materia di trasporto di persone mediante autoservizi non di linea, da effettuare nel rispetto delle competenze attribuite alle Regioni e agli enti locali, l’efficacia dell’art. 29 comma 1-quater DL n. 207/2008 e ss. integrazioni è sospesa sino al prossimo 31 marzo (anziché il 31 dicembre 2009)

Art. 8. Proroga di termini in materia ambientale – Passaggio da TARSU a TIA

3. All’articolo 5, comma 2-quater, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 13, le parole: “entro il 31 dicembre 2009” sono sostituite dalle seguenti: “entro il 30 giugno 2010”.

Pertanto, qualora il Regolamento della TIA (Tariffa integrata ambientale) di cui all’art. 238 comma 6 DLGS n. 152/2006 e ss. correzioni (Codice ambiente) non sia adottato dal competente Ministero entro il 30 giugno p. v., i Comuni che intendano adottare la nuova Tariffa in luogo della TARSU (Tassa sui rifiuti solidi urbani) potranno farlo sulla base delle disposizioni legislative e regolamentari già in vigore

Confermiamo infine le altre proroghe già commentate nella precedente circolare, vale a dire in estrema sintesi:
– richiesta di licenza da inoltrare al Questore per l’avvio di un “internet point”, sino al 31 dicembre p. v.;
– impronte digitali sulla carta d’identità, a partire dal 1° gennaio 2011;
– durata non oltre il 31 dicembre p. v. per la Convenzione siglata tra il Ministero dell’industria ed il Mediocredito centrale ai fini della gestione del Fondo di garanzia PMI;
– sistema di finanziamento e di gestione dei RAEE (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) parimenti ribadito sino al 31 dicembre p.v.)

Related posts:

Add a Facebook Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *